Beni immateriali in azione

intangible heritage tangible communities

*Museo Pigorini a rischio

Posted by benimmateriali su 7 settembre 2008

 

La lenta decadenza del museo Pigorini

Un museo con il personale ridotto al minimo, con pochissimi fondi dove il sopritendente, per evitare la chiusura, a volte scende in biglietteria a staccare i ticket d´ingresso e così fanno a turno etno-antropologi e archeologi: succede al Museo nazionale Preistorico Etnografico “Luigi Pigorini” di piazzale Marconi su cui anche il New York Times ha fatto un reportage scoprendo carenze e inadempienze ministeriali. Il Pigorini è uno degli istituti con particolari finalità del ministero dei Beni Culturali, è uno dei più antichi musei d´Italia, istituito nel 1875, ed è considerato soprattutto all´estero uno dei più prestigiosi musei di preistoria e etnografia.

«La sopritendenza è fortissimamente sotto organico sia per il personale tecnico scientifico sia per quello amministrativo e di vigilanza – spiega il soprintendete direttore del museo Maria Antonietta Fugazzola Delpino – siamo stati costretti a svolgere le più diverse mansioni soprattutto in questi ultimi dieci mesi, per riuscire a tenere sempre aperto questo grande museo nazionale. Non abbiamo voluto chiudere al pubblico nemmeno la biblioteca specialistica e il lavoro è andato avanti nei due laboratori nazionali di antropologia fisica e archeozoologia».

Il problema è l´organico che fa acqua da tutte le parti. «Molti impiegati sono andati in pensione o sono stati comandati in altre sedi e non sono stati più rimpiazzati – continua Delpino – ad esempio per la vigilanza siamo ad a terzo del personale che dovrebbe essere presente rispetto alla previsione dell´ultima pianta organica. In totale ci dovrebbero essere un centinaio di persone, ma siamo molto lontani da questo numero. Per la mancanza di personale il museo fino a dicembre avrà l´ingresso gratuito. In giornate in cui non c´erano i vigilanti io stessa ho dovuto svolgere le funzioni di custode mettendomi persino in biglietteria a vendere i biglietti pur di non chiudere l´istituto al pubblico. La stessa cosa è stata fatta dai funzionari di alto livello dell´istituto che, su base volontaria, si sono trasformati in guardiani».

Il ministero è al corrente della situazione sta cercando di trovare le soluzioni più idonee per garantire non soltanto l´apertura al pubblico del museo ma anche la stessa sicurezza dei beni conservati, visto che senza sorveglianza è a rischio persino il patrimonio dell´istituto. In agosto ci sono state varie riunioni con il direttore regionale Luciano Marchetti e con il direttore generale per i beni archeologici Stefano De Caro ma non è stata trovata un´immediata soluzione: per ora si pensa di rivedere la situazione del personale vigilante distribuito negli istituti periferici del Lazio e nelle stesse sedi ministeriali centrali. Tutto questo aspettando che il ministero bandisca i concorsi per il personale amministrativo e di vigilanza.
repubblica.it

http://www.ecodiroma.org/la-lenta-decadenza-del-museo-pigorini.htm

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: